ASSOCIAZIONE

 

RASSEGNA MERCATO ARTISTICO

 

BOLZANO

 

 

 

 

 

 

Se sei interessato a conoscere ogni indicazione e condizione per la partecipazione quale socio espositore dell'Associazione "Rassegna Mercato Artistico" per il prossimo Natale 2017, sappi che purtroppo a tutt'oggi il Comune di Bolzano non ci ha ancora concesso di poter organizzare la nostra storica e splendida manifestazione.

 

Qui di seguito puoi leggere la nostra storia ed il nostro appello, che se lo desideri, puoi condividere con chi conosci.

 

 

 

                                                                                        * * *

 

 

ASSOCIAZIONE RASSEGNA MERCATO ARTISTICO BOLZANO

 

KUNSTHANDWERKERMARKT BOZEN

 

 

 

IL MERCATINO DI NATALE PIU' ANTICO D'ITALIA

RISCHIA DI NON ESISTERE PIU'!

 

 

Sui quotidiani locali durante l'estate è stata pubblicata più volte la notizia che il nostro mercatino verrà trasferito nel Parco della Stazione, ma questa informazione non è corretta.

 

All'associazione R.M.A. Bolzano non è stata ancora concessa l'occupazione di suolo pubblico di Piazza del Municipio presentata ad inizio anno, ne' proposta alcuna alternativa.

 

Recentemente abbiamo potuto incontrare il Signor Sindaco che ci ha ascoltati attentamente e attendiamo speranzosi di poter continuare ad essere presenti in centro storico - presenza peraltro gradita dai cittadini, dai turisti, dai commercianti -. Siamo seriamente preoocupati, in quanto “saltare” una sola edizione ci metterebbe in ginocchio e non potremmo più in futuro organizzare questa spendida manifestazione...

 

Non tutti però conoscono la storia ed il progetto del “Mercatino Alternativo” di Bolzano, come ormai da molti anni lo hanno ribattezzato gli altoatesini.

 

Nato nel 1970 da un progetto di Padre Giovanni Barbieri, consisteva in un piccolo gruppo di persone vittime della tossicodipendenza che presso alcune bancarelle distribuite attorno al Duomo di Bolzano, esponeva, durante le festività di Pasqua e Natale, i prodotti creati nel corso dell'anno.

 

Nel 1971 venne trasferito dal Comune di Bolzano in Piazza della Mostra, sulla quale il mercato è cresciuto fino al 2009 con un'offerta di oltre 70 zone artistiche.

 

A partire dal Natale 2010, non senza rimpianti e difficoltà a causa dell'imponente organizzazione – fu necessario nuovo impegno di energie e denaro per aggiornare e adattare le attrezzature alla nuova sistemazione imposta dall'Amministrazione Comunale -, il mercatino è stato spostato in Piazza del Municipio.

 

Sono artisti creativi – meglio denominati come “operatori del proprio ingegno” (soci dell'Associazione Rassegna Mercato Artistico Bolzano) - provenienti da tutta la provincia altoatesina, oltre che da altre parti d'Italia, ad incontrarsi in questo particolare mercato di Bolzano.

 

Queste persone si trovano sempre alla propria bancarella per poter interagire con i visitatori e raccontare la storia degli oggetti che costruiscono e in diversi casi è anche possibile ammirare i passaggi che gli stessi fanno per realizzare le proprie opere, spesso frutto di mestieri dai più dimenticati.

 

Il contatto diretto con il pubblico ha il fascino di rendere molto interessante e stimolante lo sviluppo creativo dei singoli partecipanti, motivandoli ad una continuità nella propria passione, coraggio ed incitazione per cambiamenti e nuovi progetti.

 

In questi quasi 50 anni di attività, la “Rassegna” ha raggiunto un livello di gradimento che la pone a pieno titolo, come degno corollario al più grande Mercatino di Natale che ogni anno arricchisce la città di Bolzano e la propone come meta privilegiata e irrinunciabile da migliaia di turisti.

 

 

Lo spirito di Padre Giovanni, ora tornato in convento a causa dell'avanzata età raggiunta, che per moltissimi anni si è sempre prodigato ad aiutare le persone deboli ed in difficoltà, continua ad essere rispettato e portato avanti dagli organizzatori attuali.

 

 

 

Siamo felici ed orgogliosi di voler proteggere una cosa tanto bella, utile per molte persone; donne che hanno lavorato tutta la vita per la propria famiglia, studenti, persone senza lavoro o che la crisi degli ultimi anni ha messo in difficoltà, pensionati.

 

Da non sottovalutare che queste persone, occupando il proprio tempo libero a costruire un oggetto, rimangono per un po' lontane con la testa dai problemi e fatiche del quotidiano.

 

Desideriamo continuare a sostenerle, affinché si sentano motivate a portare avanti il proprio piccolo progetto, con dignità e coraggio.

 

Inoltre, ogni anno, dal 1970 fino all'edizione dello scorso Natale, ci siamo prodigati in opere di beneficienza.

 

Nel 2016 gli stessi partecipanti hanno offerto propri manufatti, per un totale di 400 oggetti, donandoli ai visitatori che hanno dato il loro contributo alla pesca di beneficienza organizzata a favore delle persone colpite dal terremoto nel centro Italia.

 



 

 

 

 

 

desideriamo continuare questa bella storia, che è poi quella di Padre Giovanni, un piccolo uomo dalle grandi virtù, dei partecipanti e delle persone che ci amano e seguono...!

 

 

 

presidente Gudrun Herbst

vicepresidente Denise Vannucchi

 

                     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MANUART

mostra artigianato creativo

bolzano